Pubblicato da: lauv83 | settembre 28, 2013

BLOGGING AND BACKPACKING: DAL SOGNO ALLA REALTA’

E’ facile scrivere e viaggiare zaino in spalla?

Mentre pianificavo questo viaggio, tra le altre cose, mi immaginavo ad un certo punto della giornata, seduta comodamente al mio mini-computer nel giardino di un qualche ostello, all’ombra di una palma, accarezzata da una soave brezza e concentrata nella tranquillità, interrotta forse dal canto degli uccelli e.. perché no, con vista sull’oceano..   a scrivere il mio blog di viaggio.

Sarebbero state le condizioni ideali per appunto scrivere riguardo questa esperienza unica che stavo per vivere, raccontando le varie avventure che io e il mio compagno avremmo vissuto esplorando l’America Latina. Avrei potuto immortalare in linguaggio binario tutti i momenti più significativi così da avere un ricordo ordinato e dettagliato dei luoghi e dei fatti. Inoltre avrei potuto condividerli  di volta in volta con amici, famigliari, atri viaggiatori o con chiunque volesse leggere, grazie alla magia della tecnologia. Cos’è dopo tutto un blog di viaggio?

Ma mentre questo fantastico viaggio si è quasi concluso.. io sono in Messico ed il mio ultimo post riguarda appena l’uscita dalla Colombia (è datato correttamente solo perche “wordpress” mi permette di datare i post a mio piacimento e questa è una gran cosa!).. Cos’è successo?

Sono ancora convinta che il blog sia uno strumento meraviglioso. E con me lo sono anche molti altri backpacker: infatti nel cammino ho incontrato tantissimi backpacker che anno avuto la mia stessa idea. Sembra quasi diventata una moda! Ma, altrettanti tra loro, come me, non riescono a mantenere aggiornato il loro blog. Perché?

Di seguito elenco alcune tre le varie ragioni che rallentano il backpacker-blogger:

  • Durante la giornata il backpacker normalmente è impegnato in 1000 attività a parte scrivere (spostarsi, visitare, procurarsi da dormire e da mangiare, socializzare con gli altri viaggiatori), quindi dimenticati di scrivere di giorno e, se l’ostello è popolato, figuriamoci la sera
  • Normalmente il backpacker dorme in dormitorio con altri compagni di stanza che sono in camera o negli spazi comuni ed in giardino a chiacchierare o quant’altro, quindi dimenticati la tranquillità per concentrarti
  • Quando il backpacker ha la fortuna di aver una camera privata magari la connessione internet non c’è o funziona male (anche se internet c’è nella maggior parte degli ostelli in America Latina) o è troppo stanco per scrivere, quindi dorme
  • Le sedie o sgabelli delle zone comuni degli ostelli  (se ci sono) non sono a volte comodi, e l’amaca è perfetta per rilassarsi ma scrivere è un’altra cosa, quindi dimentica la comodità
  • In spiaggia il sole ti abbaglia lo schermo cosicché non vedi quello che scrivi, e la sabbia non è per niente computer-friendly, quindi ci vai senza computer
  • In montagna per altri motivi ma è uguale
  • In città, in America Latina, ci sono molti posti dove non è il caso si sfoggiare troppo il computer perché si potrebbe diventare target di furti, quindi lo lasci nel locker dell’ostello

In Argentina e Cile ho trascorso svariate decine di ore in autobus comodi e sicuri dove era un piacere scrivere: il blog era sempre aggiornato! Ma nei paesi successivi (Bolivia, Perù, Ecuador, Colombia, Panama, Costa Rica, Nicaragua, Honduras, El Salvador.. ) ho viaggiato con i mezzi più disparati e gli autobus sono diventati sempre più instabili, scomodi ed affollati, con la musica a palla e  un regolare andar e vieni di venditori ambulanti. Quindi più che scrivere era meglio godersi solo la vista.

Insomma, per una serie di fattori tecnici e casuali (il fattore sfiga nel mio caso ha inciso moltissimo), scrivere e viaggiare zaino in spalla non è così semplice come sembra.. Ma, nonostante ciò, continuo a pensare che ne valga la pena e così continuo a fare.

Dall’altro lato, non voglio perdere nessun momento dell’esperienza di viaggio per stare al computer e così ho ideato strategie per bilanciare le due cose

  • Prendo appunti che riorganizzo organicamente quando trovo una situazione favorevole
  • HO DECISO DI SCRIVERE RIGUARDO CENTRO AMERICA IN MANIERA RIDOTTA OSSIA UN POST RIASSUNTIVO PER OGNI STATO, scenderò nei dettagli una volta tornata.
  • E comunque molti post veranno pubblicati a viaggio finito.

Questi sono i miei propositi e a questo è dovuto il cambio di stile del mio blog di viaggio. Infatti, nonostante che a volte mi ritrovi..

..a scrivere in letti a castello striminziti ..con il piede sull’adattatore perché il cavo della batteria non sta attaccato alla presa ..con gli atri ospiti dell’ostello che fanno baldoria nella stanza accanto e con la porta aperta …e poi arriva qualcuno a raccontarmi le sue storie stra-interessanti e così inizia una conversazione di ore  ..e magari mi addormento quasi col computer in mano dalla stanchezza..

..mi da sempre una gran soddisfazione finire un post e pubblicarlo (quando la connessione internet funziona ovviamente;-)

Comunque per la cronaca, la situazione idilliaca di cui parlavo all’inizio si è verificata una volta mentre ero a S. Catalina in Panama. Era d’avvero un piacere scrivere e in un giorno e mezzo ho scritto i post di tutto l’Ecuador! Aspettando un altro spot così… buona lettura!

COME IO IMMAGINAVO BLOGGING E BACKPACKING

Santa Catalina (37)

COME I TUOI AMICI SI IMMAGINANO BLOGGING E BACKPACKING

IMG_0403

COME REALMENTE E’ BLOGGING E BACKPACKING

realtà

Annunci

Responses

  1. […] volta è valsa la pena portarla a termine. Ed il tutto in modalità tutt’altro che comode.. (vedi post Backpacking and Blogging).  Perché questa volta c’era qualcosa di diverso: la storia era viva, era avvincente, era […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: